Segnala su:     segnala su OKNOtizie    Segnala su Del.icio.us     sagnala su facebook
“Vergogna” di J.M. Coetzee
Colpa ed espiazione in un Sudafrica feroce

Caserta - Tanto è stato detto di “Vergogna”, il romanzo di J. M. Coetzee, premio Nobel nel 2003.
Ambientato in un Sudafrica post-apartheid, racconta la storia di David Lurie, professore universitario, che dimessosi dal suo incarico perché accusato di molestie sessuali trova riparo in campagna dalla figlia Lucy.
Il titolo originale è “Disgrace”. Ma ai traduttori il termine “disgrazia” deve essere risultato inadeguato a capeggiare su una copertina così da deviare sul sinonimo “vergogna”. Sarebbe stato però più opportuno scegliere come titolo “Disgrazia” perché ciò che accomuna i protagonisti della vicenda narrata non è tanto la vergogna, sentimento tutto individuale, quanto piuttosto il loro allontanamento dalla comunità, quello che si dice il loro essere appunto “caduti in disgrazia”.
Si può cadere in disgrazia per quello che si è fatto, ma anche per “quello che si è”.
Appartiene alla prima categoria il professor Lurie, cacciato dall’università (anche se sarebbe meglio dire autoesclusosi visto che, alle accuse, ha risposto con una presunzione ingiustificata che puzza di autolesionismo) perché colpevole di aver sfruttato il potere derivante dal suo status al fine di accedere alle “grazie” di Melanie, una giovane studentessa di colore.
Mentre alla seconda appartiene la figlia Lucy che viene respinta dalla comunità indigena nella quale tenta caparbiamente di inserirsi. Lucy è bianca e solo per questo verrà aggredita e violentata.
Anche lei percorre la strada di un incomprensibile, almeno all’inizio, autolesionismo: rifiuta, come il padre, di difendersi, ma per ragioni molto diverse. Non c’è presunzione nel suo gesto quanto piuttosto qualcosa di più profondo: tocca a qualcuno rinunciare ad alimentare il circolo vizioso della violenza e Lucy si fa carico di questo difficile compito.
La trama ha una sua evidente complementarietà: l’aggressione e la violenza dei teppisti nei confronti di Lucy della seconda parte bilanciano l’arrembaggio amoroso nei confronti della giovane e nera Melanie raccontato nella prima.
Sia per David che per Lucy si manifesta una sorta di redenzione, che li porta ad una rinascita. David mette la parola fine a quella vita che non gli apparteneva più, la figlia può tentare di ricominciare nella terra che all’inizio aveva tentato di respingerla.
Su entrambi pesano, come un peccato originale, le colpe di un’intera collettività, la “Storia dei torti” di quella minoranza bianca che si è macchiata per decenni di intolleranze e che ora ne subisce la reazione violenta. Descrivendo il comportamento di Lucy, fatto di silenzi, di una sofferenza soffocata e dimessa, l’autore ci racconta con efficacia uno straordinario esempio di lucidità. Gradualmente anche David (e con lui il lettore), che all’inizio trova oscura e poco condivisibile la scelta di Lucy, comprende quanto di saggio ci sia in essa. E questo lo porta a fare delle scelte che forse prima non avrebbe mai potuto accettare.
Lucy, facendosi carico di questa sorta di riparazione collettiva, contro il parere del padre, contro il parere di tutti, impartisce a lui, al professor Lurie, la lezione più alta: nel batti e ribatti della guerra è necessario che qualcuno trovi la saggezza di fermarsi. Solo da lì può partire l’inizio di un tempo migliore.

Stefano Crupi

21/07/2009
 
 
Tag Clouds :

Vergogna

,

romanzo

,

Coetzee

 
   LIBRI
- 'LA MENZOGNA DEL CINEMA' DI TORNATORE  
- "L'UMILTÀ DEL MALE" DI FRANCO CASSANO  
- "MODERATISMO E RIVOLUZIONE" DI ANDREA MICOCCI  
- "LA LETTERATURA NAZISTA IN AMERICA" DI ROBERTO BOLANO  
- 'SENZA TACCHI' DI FRANCESCA LANCINI  
- 'TENGO FAMIGLIA- L’ITALIA DEI PARENTI' DI CARLO PUCA  
- "MISSION TO MARX" DI LUCA BOTTURA  
- 'IL MESTIERE DELL'ATTORE' DI NINNI BRUSCHETTA  
- "LA STORIA DELLA BRUTTEZZA" DI UMBERTO ECO  
- 'ECCIDI NAZISTI' DI GIOVANNI BORRELLI  
- "L'ECONOMIA GIUSTA" DI EDMONDO BERSELLI  
- "MOLTI MATRIMONI" DI SHERWOOD ANDERSON  
- 'LE VALCHIRIE' DI PAOLO COELHO  
- "IN VIAGGIO CON ERODOTO" DI RYSZARD KAPUSCINSKI  
- UN'ESTATE DI LIBRI: 'GESÙ, IL BUDDHA E LA LEGGE DELLA VITA' DI LAURA JOUAKIM  
- UN'ESTATE DI LIBRI: 'PIOGGIA DI GIUGNO' DI JABBOUR DOUAIHY  
- UN'ESTATE DI LIBRI: 'TARICONE. LA VITA CHE DESIDERI'  
- UN'ESTATE DI LIBRI: 'ACQUA IN BOCCA' DI CAMILLERI E LUCARELLI  
- 'LE MALE VITE' DI ALESSANDRO LEOGRANDE  
- 'RITORNO NEI PRATI DI AVIGLIANO' DI FILOMENA BARATTO  
- ‘BERTOLDO, UN VICHINGO A ROMA’ DI ILENIA MALAGUTI  
- 'TERRONI' DI PINO APRILE  
- 'GOODBYE PRODI' DI ALICE OXMAN  
- "EROI DI CARTA" DI ALESSANDRO DAL LAGO  
- 'GUERRIERO DELLA LUCE. VITA DI PAULO COELHO' DI MORAIS  
- 'IL GIOVANE STALIN' DI SIMON MONTEFIORE  
- 'IL RE DEL'ULTIMA SPIAGGIA' DI ALESSANDRO FABBRI  
- 'IL PARTO IN CASA - ISTRUZIONI PER L’USO' DI ELISABETTA MALVAGNA  
- "IL PALAZZO DELLA MEZZANOTTE" DI CARLOS RUIZ ZAFON  
- "IL ROMANZO E LA REALTÀ" DI ANGELO GUGLIELMI  
- 'IL GRANDE BISOGNO' DI ROSE GEORGE  
- 'QUESTO È IL PAESE CHE NON AMO' DI ANTONIO PASCALE  
- 'EUDEAMON' DI ERIKA MOAK  
- 'I FRATELLI MINORI' DI ENRICO PALANDRI  
- 'IL CASO DELL'INFEDELE KLARA' DI MICHAL VIEWEGH  
- 'SE NIENTE IMPORTA' DI SAFRAN FOER  
- 'FRAMMENTI D'INSIEME'DI ANNA DI NARDO  
- 'IL RICATTO' DI JOHN GRISHAM  
- 'CACCIA AL PERSONAGGIO' DI GRAHAM GREEN  
- 'IL CECCHINO E LA BAMBINA' DI FRANCO DI MARE  
- "SCIENZA E SENTIMENTO" DI ANTONIO PASCALE  
- 'LA VALLE DEL KAMASUTRA' DI TONINO GUERRA, A MARZO IN LIBRERIA  
- "L'ALTRO" DI RYSZARD KAPUSCINSKI  
- "CARILLON" DI DONATO CUTOLO  
- "A CIASCUNO IL SUO" DI LEONARDO SCIASCIA  
- "EMMAUS" DI ALESSANDRO BARICCO  
- "ENAKAPATA" DI VINCENZO E LUCA MORETTI  
- "ENAKAPATA", DI VINCENZO E LUCA MORETTI  
- "IL RESTO DI NIENTE" DI ENZO STRIANO  
- "DOMANI NELLA BATTAGLIA PENSA A ME" DI JAVIER MARIAS  
- "UN ANGELO IN PUNTA DI PIEDI" DI ELEONORA ABBAGNATO  
- "EFFETTI COLLATERALI" DI WOODY ALLEN  
- "LA CITTÀ DELLA GIOIA" DI DOMINIQUE LAPIERRE  
- "NOVECENTO" DI ALESSANDRO BARICCO  
- "TU, MIO" DI ERRI DE LUCA  
- “VERGOGNA” DI J.M. COETZEE  
- "ECONOMIA DELLA SAGGEZZA" DI FRANCESCO SICILIANO  
- "GUIDA ALLE MESSE" DI CAMILLO LANGONE  
- "SOTTO IL CULO DELLA RANA" DI TIBOR FISCHER  
- “LA SPARTIZIONE” DI PIERO CHIARA  
- “DINO CAMPANA. TENSIONI ESISTENZIALI E CONQUISTE D’ARTE” DI FRANCESCO MENSORIO  
- "TRISTE, SOLITARIO Y FINAL" DI OSVALDO SORIANO  
- IL LUNGO, IL CORTO E IL COMUNISTA GENTILE…  
- “LA CURVA DEL LATTE” DI NICO ORENGO  
- GALASSIA GUTENBERG FIERA DEI SUOI VENT’ANNI  
- “NOVE RACCONTI” DI J. D. SALINGER  
- “FALCONER” DI JOHN CHEEVER  
- “DEI MIEI SOSPIRI ESTREMI” DI LUIS BUNUEL  
- E’ IN LIBRERIA “SCHERZI DEL DESTINO”, OPERA PRIMA DEL GIORNALISTA GIUSEPPE MALLOZZI.  
- “THE METAPHYSICS OF CAPITALISM”, MARX ALLA RISCOSSA  
- “SPIDER” DI PATRICK MCGRATH  
- “TOKYO DECADENCE” DI RYU MURAKAMI  
- “LA TRILOGIA DI NEW YORK” DI PAUL AUSTER  
- “L’OCCHIO” DI VLADIMIR NABOKOV  
- “UNA COSA DIVERTENTE CHE NON FARÒ MAI PIÙ!” DI DAVID FOSTER WALLACE  
- LA VITA AGRA DI LUCIANO BIANCIARDI  
- “IL RESTO DI NIENTE” DI ENZO STRIANO  
- “IL CINEMA SECONDO HITCHCOCK” DI FRANCOIS TRUFFAUT  
- “LA POSSIBILITÀ DI UN’ISOLA” DI MICHEL HOUELLEBECQ  
- “SABATO” DI IAN MCEWAN  
 


 
 
 
Fai di Tutti in Piazza la tua home page   |    inserisci nei preferiti  |  mappa del sito  |  redazione  |  pubblicità

Testata giornalistica senza finalità di lucro, realizzata su base esclusivamente volontaria e gratuita
e registrata presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) con num. 715 del 17/09/2008.
E-Mail: redazione@tuttiinpiazza.it


 
Credits: Puntocomunicazione