Segnala su:     segnala su OKNOtizie    Segnala su Del.icio.us     sagnala su facebook


Sport  »  Calcio  »  Serie C  »  
Rifiuti, da Casertana e Castel Rigone un messaggio contro la camorra
Le due squadre hanno fatto il loro ingresso in campo con il copri maglia recante la scritta “Terra di Lavoro non deve morire”
 
Rifiuti, da Casertana e Castel Rigone un messaggio contro la camorra
Caserta  - Casertana-Castel Rigone non è stata certo una partita come tante. E non soltanto per la vittoria dei falchetti. Ospite della Casertana don Maurizio Patriciello e i Comitati che battagliano ogni giorno contro l’avvelenamento dei territorio casertani. Prima del calcio d’inizio hanno sfilato sulla pista d’atletica dello stadio ‘Pinto’ proprio i Comitati con gli striscioni in testa tra cui il “Non scappo dalla mia Terra, io la difendo” che tanto rumore ha fatto nei giorni scorsi. Le due squadre, poi, hanno fatto il loro ingresso in campo con il copri maglia recante la scritta “Terra di Lavoro non deve morire” (poi lanciato ai tifosi presenti nei Distinti), messaggio ribadito sul lungo striscione tenuto tra le mani da tutti i calciatori scesi in campo. Il calcio è anche questo. La Casertana sarà sempre al fianco di chi lotta per la difesa del proprio territorio e dei propri diritti.
Redazione Tuttiinpiazza
14/10/2013
 
 
 
Tag Clouds :

Caserta

,

Casertana

,

Castel Rigone

,

don Maurizio Patriciello

,

rifiuti tossici

 
SPORT
CALCIO
VOLLEY
SERIE C
SERIE MINORI
BASKET




 
 
 
Fai di Tutti in Piazza la tua home page   |    inserisci nei preferiti  |  mappa del sito  |  redazione  |  pubblicità

Testata giornalistica senza finalità di lucro, realizzata su base esclusivamente volontaria e gratuita
e registrata presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) con num. 715 del 17/09/2008.
E-Mail: redazione@tuttiinpiazza.it


 
Credits: Puntocomunicazione